Essanay Studios, Niles (CA)

20160321_005958 Ho visitato gli Essanay Studios a Niles. Originariamente, erano una estensione di quelli a Chicago. Niles dista un’ora e mezzo circa da San Francisco, superata Oakland, ai piedi del Niles Canyon, set di molti film western. La presenza della ferrovia era essenziale per trasportare i materiali. Poi, con l’avvento del sonoro, il rumore del treno fu una delle cause per cui gli Studios vennero chiusi e definitivamente trasferiti a Los Angeles.

20160321_001904 Gli Essanay Studios sono conosciuti soprattutto perché. attorno al 1915, qui Charlie Chaplin girò alcuni suoi film, tra cui “The tramp” e qui incontrò Edna Purviance.

Ovviamente, questo luogo conserva ancora memoria della presenza di Charlie Chaplin. Nel piccolo museo all’interno dell’edificio principale ci sono ancora le 20160321_000706scarpe utilizzate dallo stesso Chaplin per le riprese. Le indossava
a rovescio: il piede destro nella sinistra, il piede sinistro nella destra,
e le teneva slacciate”. Nel museo poi ci sono alcune bobine, le macchina da presa e altri strumenti utilizzati sul set. Una targa indica anche la casa all’interno della quale alloggiò Chaplin per tutto il periodo delle riprese.

IMG_20160323_155246

 

 

 

 

Italian Cultural Institute – San Francisco

Alcuni scatti dell’incontro che si è svolto nella sede dell’Istituto di Cultura Italiano di San Francisco, martedì 22 marzo 2016, alle ore 18,30 locali.

Italian Cultural Institute – San Francisco
601 Van NessIMG_20160323_171733 Avenue – Opera Plaza

20160322_005718 IMG_20160323_172125

 

Tuesday, March 22 2016 – 6,30pm  

IMG-20160323-WA0007

 

Michele Cecchini – Per il bene che ti voglio

Book Presentation

A novel of immigration from Lucca to California

 

IMG-20160323-WA0006

With the support of the Lucchesi nel Mondo Association

Refreshments kindly provided by Piccino Restaurant

 

 

IMG-20160323-WA0016

Su questa presentazione la videomaker Yurie Goto Manning ha relizzato un video.

 

Vertigo (o La donna che visse due volte)

Oggi ho visitato i luoghi del film di Hitchcock Vertigo (La donna che visse due volte), girato a San Francisco e dintorni. Indimenticabile la scena del tentativo di suicidio di Kim Novak nei pressi del Golden Gate Bridge, con il salvataggio di Scottie.

IMG_20160324_185017 L’ Empire Hotel, oggi Vertigo Hotel, dove viveva Judy Barton.

 

 

 

 

 

 

vert3 L’abitazione di Scottie, in Lombard Street.

 

 

 

 

 

Le scena del campanile si trovano alla missione di San Juan Batista, diverse miglia a sud di San Francisco.

San Francisco Bay Area

goldeng_1Gli operai addetti alla manutenzione del Golden Gate devono difendere il ponte dal salmastro, perché il vento della baia sibila, grata e corrode. Gli operai raschiano via la vernice e poi tingono e ritingono ininterrottamente i cavi, i piloni, la struttura del ponte. Partono da una sponda della baia e nel giro di un paio di mesi arrivano dall’altra parte. Poi tornano indietro e ripartono. Ed è così che funziona, avanti e indietro.

Press release: Presentation in San Francisco

freccia_pibctv  The Italian Cultural Institute of San Francisco is pleased to welcome Italian author Michele Cecchini.
On March 22nd at 18:30 p.m., he will present his acclaimed novel, Per Il Bene Che Ti Voglio, in the main Gallery of the Institute.
Now in its fourth printing, the novel speaks of the bittersweet experiences of the protagonist Antonio Bevilacqua as he emigrates from Lucca, Italy to San Francisco.
Immigration is always in the news, and in this election year it is a top story.
This presentation will contribute to the current discussion.
The presentation will be in English, with some Italian where necessary and Italiese.
Italiese is a hybrid of English and Italian. Italian immigrants adapted English words and phrases into their spoken Italian with results both curious and amusing. The book includes a dictionary which gives definitions of Italiese words used. The presentation will include illustrations of several of these humorous additions to the Italian language. This is a must event for San Francisco Italian-Americans; it is our story.
The event begins with an Aperitivo and finger food provided by Piccino Restaurant at 18:30 p.m.
Come join us for an evening of Italian culture, Aperitivo, and maybe some Serie A predictions.
Register for the event.
The San Francisco Italian Cultural Institute is one of 90 located throughout the world.
Come see us in our new spacious location.
It is located in the Opera Plaza, 601 Van Ness Avenue in San Francisco.
It is only 3 blocks from BART and Muni stops in front of the Institute.

“Il viaggio, ancora prima che di luoghi, è fatto di parole”.

freccia_pibctv   Nei giorni scorsi è uscito questo bellissimo articolo di Andrea Lanini sulla rivista STAMP TOSCANA (The news Community in Tuscany), relativo al mio viaggio in Canada e negli Stati Uniti.
È stata l’occasione per parlare di parole, di amore per le parole, della loro evoluzione, della mutevolezza che rende impossibile la standardizzazione. Da qui, la loro instancabile funzione creatrice.

 

Meet the author…

freccia_pibctv … and his book “Per il bene che ti voglio”.

In the late Twenties, Antonio Bevilacqua leaves the environs of Lucca in hopes of an acting career in the off-Broadway theatres of San Francisco. There he comes into contact with the art world which centres on such figures as Lawrence Ferlinghetti. Elegant and degraded, frigid and solar, welcoming and cruel, San Francisco exalts and disappoints its children and step-children – including the Dagos, Italian immigrants. For a time Antonio moves to Hollywood, where he is employed as a stand-in for Chaplin, taking his place on the set to facilitate the arrangement of the scenes. He seems, therefore, to have found his ‘Merica’ of the ‘muvinpicce’ – a term derived from the English ‘moving picture’ in the awkward yet somehow poetic half-English half-Italian pidgin used by the Dagos. In language as in life, Antonio Bevilacqua, transformed in the meantime into ‘Tony Drinkwater’ (the literal translation of his name), inhabits a no-man’s land between what he once was and what he has not yet become.

Michele Cecchini was born in Lucca in 1972. He teaches literature and lives in Livorno. In 2014 he and Ettore Borzacchini created and presented the radio programme “Aperte Virgolette” – from 2015, “Saccadé” in an italian radio station. In 2010 he published Dall’aprile a shantih with Erasmo publishers. Per il bene che ti voglio is his second novel.

Irish Coffee

1942, Irlanda. Aeroporto di Shannon. Notte fonda e maltempo. Un gruppo di passeggeri vede rinviato il proprio volo. Stremati, si dirigono al bar dell’aeroporto. Lì lavora Joe Sheridan, che prepara loro del caffè molto forte, a cui aggiunge zucchero, whisky e panna. “Caffé al’irlandese”, dice.

Tempo dopo un corrispondente del San Francisco Chronicle, atterrato a Shannon, apprezzò talmente la bevanda che decise di dedicarle un articolo.
Allora nei bar di San Francisco si cominciò a preparare l’Irish Coffee.

Questo, almeno, è quello che dicono.

ponce