Bollati Boringhieri (Pagina 1 di 2)

Pontormo

Qualche giorno fa sono stato ospite del Liceo Scientifico Il Pontormo di Empoli per incontrare i ragazzi. Dagli incontri nelle scuole vengono sempre fuori cose molto interessanti. Gli allievi che hanno letto il libro riescono spesso a stupire con osservazioni profonde e riflessioni acute, segno evidente di un approccio al testo particolare, molto personale. Per questo ritengo che i ragazzi non siano affatto i “lettori di domani”, ma lettori a tutti gli effetti.

I marziani, naturalmente

Di Beo (il protagonista di “Un morso all’improvviso”)
Di Valdirozzi (il luogo dove è ambientata la vicenda)
E di Coteto (il quartiere di Livorno)
Ovvero: anche le grullerie più assurde ci hanno sempre il precedente.

La storia di Beo Scarabeo

Che bel regalo mi ha fatto Luca Nardini!

Questa è la storia di Beo scarabeo
che rotola la palla in discesa
e gli scappa.”
“La cacca?”
“No, la palla. C’è babbo che non c’è
c’è il naso storto, Luciano che è Lucignolo
lui Pinocchio…”
“E poi?, di più?”
“Marziani, tegami la mamma e la sorella, la luce
blu.”
“E dove siamo?”
“Siamo in un paese inventato
e nella testa di Beo”
“E quando siamo?”
“Nessuno lo sa… però per ogni eroe
e anche per Beo vale la vita, la morte
i miracoli, due volte
la natalità”.

Repubblica

Mercoledì 20 dicembre su Repubblica – Firenze è uscita una recensione di “Un morso all’improvviso” a cura di Gianmarco Lotti.

Ci sono pagine che fanno sorridere, altre sono pugni nello stomaco. Il linguaggio di Cecchini è variopinto ed evocativo.

Centro Culturale Zavattini

Sono molto felice di essere ospite a Luzzara (Reggio Emilia), sabato 4 novembre 2023, del Centro Culturale Zavattini, il centro operativo di Fondazione Un Paese. Parleremo di “Un morso all’improvviso” ma anche del signor Cesare, uno dei personaggi de “Il Cielo per ultimo”, molto liberamente ispirato appunto alla figura di Zavattini. Il quale fu autore di una bellissima introduzione a un’edizione Einaudi di Pinocchio del 1961.

Corriere della Sera – Corriere fiorentino

Sul Corriere della Sera – Corriere fiorentino, nella versione online, è stata pubblicata il 21 settembre una recensione a “Un morso all’improvviso” a cura di Simone Innocenti.

Delicatezza e ironia permettono a Cecchini di trattare la schizofrenia con una maestria davvero stupefacente. Perché è anche quella particolare malattia che l’autore racconta e lo fa con piglio serio ma allo stesso tempo dolce. Ed è inutile raccontare troppo di questa storia, che va letta dall’inizio alla fine. Perché anche sul finale che Cecchini sceglie ci sarebbe da dire un bel po’. E da rifletterci molto.

Valdarno oggi

Su “Valdarno oggi” una recensione a “Un morso all’improvviso” a cura di Gianmarco Lotti.

Cecchini è un fenomeno nel trattare con dolcezza e ironia un problema mentale serio e preponderante come la schizofrenia. Si badi bene, non la minimizza o banalizza, anzi, riesce a analizzarla da un angolo inconsueto, mostrandola quasi come un gioco, una serie di regole o fissazioni o superstizioni che caratterizzano un protagonista indimenticabile come Beo.

L’Osservatore Romano

Su L’Osservatore Romano del 5 giugno 2023 è pubblicata una recensione di “Un morso all’improvviso” a cura di Silvia Gusmano.

Qui il link all’articolo.

Del resto, è un libro di parole, il racconto di Beo. Un racconto che divide il mondo tra chi le parole le trova e chi no. Nella certezza (chiarissima) che non trovare le parole sia la sconfitta.

 

« Articoli meno recenti

© 2024 Michele Cecchini

Tema di Anders NorenSu ↑