La lettrice scomparsa

ghiaino Fabio, trovo finalmente il tempo di mandarti due righe circa il romanzo, come promesso. Ho terminato diversi giorni fa la lettura e mi è rimasto parecchio impresso. Innanzitutto, l’ambientazione: la Roma che i tuoi personaggi attraversano è intima, straniante, e la osservi con uno sguardo “forte” e poetico al tempo stesso. Anche la trama tiene e avvince, secondo me. Hai saputo dosare con equilibrio l’espediente della cura attraverso i libri, inscrivendolo in un giallo che si dipana piano piano e che, guarda caso, proprio grazie ai libri si risolve. Mi pare un bell’atto d’amore per la letteratura e per la lettura, mi è venuto in mente Truffaut a più riprese.
fabioCirca le “trappole” cui mi accennavi, e gli stereotipi: non direi. Ogni “visita” che il protagnista riceve è per il lettore un pretesto per conoscerlo più in profondità. Lui, che dovrebbe procedere ad analisi, finisce di fatto per subirle. Ed è un aspetto che lo contraddistingue e lo umanizza: il tuo personaggio dovrebbe avere le idee ben chiare perché si propone di dare consigli, in realtà appare spaesato e ciò che cerca è destinato inevitabilmente a sfuggirgli: su tutti, la faccenda dell’invio delle cartoline, davvero poetica ed efficace. Da questo punto di vista, poi, la commistione tra la trama e le riflessioni sulla letteratura offrono una miriade di spunti e soprattutto di letture a più livelli, che tu qualche volta suggerisci e qualche altra lasci impliciti, dando la possibilità al lettore di muoversi atuonomamente.
Insomma, un gran bel lavoro.

Biblioteca

Nei prossimi giorni, quando avrò un po’ più di tempo, non vedo l’ora di rintanarmi in biblioteca. Mi porterò dietro libri che so che non leggerò e appunti per cose che non mi serviranno, ma stare in una biblioteca mi piace tremendamente. L’atmosfera che si respira in una biblioteca è decisamente rassicurante. Innanzitutto perché si è circondati dai libri, e stare in mezzo ai libri fa bene. E poi la biblioteca è un luogo appartato, silenzioso, che impone la concentrazione. In biblioteca il tempo è sospeso, l’atmosfera ha un che di metafisico: non ci si può “fare un salto”, perché la biblioteca richiede tutto il tempo e ha il suo ritmo inevitabilmente lentissimo, dilatato.
In biblioteca è bello anche guardarsi intorno: ai tavoli sono seduti ragazzi alle prese con gli ultimi appelli prima dell’estate, qualcuno viene a leggere il giornale, altri hanno di fronte a sé pile di volumi, altri ancora sono chini su enormi raccoglitori dei giornali d’epoca. In biblioteca si parla sottovoce, quel poco che si parla. In biblioteca ognuno è un artigiano che affina il mestiere e rende a poco a poco più sensibili i propri strumenti. Ognuno coltiva anche i propri rituali: qualcuno appunta una matita prima di iniziare, altri sciorinano tutto il campionario di evidenziatori, altri ancora tengono gli occhiali nell’astuccio e li estraggono solo al momento opportuno. Capita che sfugga un sorriso complice tra due persone, magari di generazioni differenti, allo stesso tavolo. Le energie impiegate e il tempo trascorso in una biblioteca sono sempre ben spesi. Non si va ma via con la sensazione di avere impiegato male quelle ore.